homepage organi commissioni albo normativa documenti ufficiali formazione eventi modulistica link utili
-
URP
Note Legali
Elenco siti tematici
Privacy policy
PRIVACY

Amministrazione Trasparente
rassegna stampa fiscale novità fiscali scadenze fiscali rassegna stampa legale contatti
Istituzione del codice tributo per il versamento da parte dei lavoratori autonomi delle ritenute d’acconto non operate dai sostituti d’imposta ai sensi dell’art. 19 del decreto Liquidità
Venerdì, 25 Settembre , 2020
L’Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 50/E del 7 settembre 2020, ha istituito il codice tributo ‘4050’ denominato ‘Ritenute d’acconto non operate versate dai lavoratori autonomi – art. 19, comma 1, Decreto legge 8 aprile 2020 n. 23’. Il nuovo codice tributo servirà ai lavoratori autonomi per il versamento delle ritenute d’acconto non operate dai sostituti d’imposta. Tale articolo prevede che ‘per i soggetti con domicilio fiscale, sede legale o sede operativa nel territorio dello Stato con ricavi o compensi non superiore a 400mila euro nel periodo d’imposta precedente a quello in corso alla data del 17 marzo scorso, i ricavi e i compensi percepiti nel periodo compreso tra il 17 marzo e il 31 maggio 2020 non sono assoggettati alle ritenute d’acconto da parte del sostituto d’imposta, a condizione che nel mese precedente non abbiano sostenuto spese per prestazioni di lavoro dipendente o assimilato. I contribuenti che si avvalgono della presente opzione, rilasciano un’apposita dichiarazione dalla quale risulti che i ricavi e compensi non sono soggetti a ritenuta ai sensi della presente disposizione e provvedono a versare l’ammontare delle ritenute d’acconto non operate dal sostituto in un’unica soluzione entro il 31 luglio 2020 o mediante rateizzazione fino a un massimo di 5 rate mensili di pari importo, a decorrere da luglio 2020, senza applicazione di interessi né sanzioni’. Successivamente il decreto Rilancio ha prorogato al 16 settembre la ripresa dei versamenti delle suddette ritenute in un’unica soluzione o mediante rateizzazione, fino ad un massimo di 4 rate. Il decreto Agosto ha infine stabilito che i versamenti sospesi possono essere effettuati, senza sanzioni e interessi, pagando il 50% delle somme dovute in un’unica soluzione entro il 16 settembre o mediante rateizzazione fino ad un massimo di 4 rate. Il restante 50% andrà pagato, a rate mensili, in un numero massimo di 24, con il versamento della prima entro il 16 gennaio 2021.
(Vedi risoluzione n. 50 del 2020)


| copyright ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TRIESTE | codice fiscale: 90118670323|
| site by metaping | admin |